Scienza

La vana speculazione disingannata dal senso

Scilla Agostino

144 pagine

Nel corso del XVII secolo, la controversia sulla natura dei fossili assunse un'importanza senza precedenti nelle opere di filosofi e studiosi di storia naturale. In contrapposizione alla tradizionale interpretazione dei fossili come pietre prodotte dalla capacità creativa della Natura, iniziò ad affermarsi l'idea che i fossili fossero resti di esseri viventi. L'opera del messinese Agostino Scilla (1629-1700) fu uno dei primi testi che propugnano l'origine organica dei fossili e segna un momento fondamentale nella nascita della geologia come disciplina scientifica. Un testo che contribuisce alla divulgazione degli studi relativi alla tradizione scientifica italiana in un'edizione estremamente curata.

Condividi
  • Editore: Giunti
  • Collana: Biblioteca della Scienza Italiana
  • Curatore: Segala,Marco
  • Autore introduzione: Rossi,Paolo
  • Copertina: Brossura con sovraccoperta
  • Dimensione: 17x24cm
  • Lingua: Italiano
  • ISBN - EAN: 9788809210912
  • Data di pubblicazione: 01/01/2000