CucinaLetteraturaSaggistica

Lepre al civet

Conte Giorgio

76 pagine

Grandi scrittori, intellettuali e poeti italiani offrono la loro penna e i loro ricordi per recuperare il filo sottile che lega la letteratura alla cucina, celebrando nell'esiguo spazio di ventiquattro cartelle i piatti del cuore: novelle, aneddoti o una manciata di versi per restituire la poeticità di un cibo o di una preparazione.
Una ricetta della tradizione piemontese che affonda le sue radici nella cultura culinaria francese del Medioevo diventa protagonista e filo conduttore per il racconto scritto da un grande cantautore italiano.
Non solo la ricetta - nel libro si respira tutto l'amore per quella di nonna Tilde - ma anche il racconto rocambolesco e avventuroso, non senza note ironiche, di come procurarsi una lepre, protagonista indiscussa della tavola e della memoria di Giorgio Conte.

Condividi